Bellinzona premia Gregory Sciaroni

cerimonia fine 2013L’hockeysta del Davos è nato sportivamente nei Giovani discatori della Turrita

Nato sportivamente nei Giovani discatori della Turrita quando era ragazzo, ha saputo affermarsi nell’élite di una disciplina in cui «la concorrenza è particolarmente agguerrita e qualificata», riuscendo anche a far parte della nazionale svizzera. Con queste motivazioni il Municipio di Bellinzona, per voce del capodicastero Sport Giorgio Soldini, ha premiato oggi, venerdì, il ticinese Gregory Sciaroni, 24.enne attaccante dell’Hockey Club Davos con cui ha vinto il titolo due anni fa. L’assegnazione del Premio al miglior sportivo 2013 è avvenuta nel corso della tradizionale cerimonia di fine anno in cui hanno preso la parola il presidente del Consiglio di Stato Paolo Beltraminelli, il sindaco Mario Branda e il primo cittadino della capitale Michele Genini, tutti a sottolineare la straordinaria opportunità che AlpTransit offrirà in futuro alla Città. Il consueto riconoscimento in ambito culturale è invece stato attribuito, postumo, al compianto professore Raffaello Ceschi, docente, storico e scrittore bellinzonese deceduto il 20 giugno scorso all’età di 77 anni a causa di una malattia. A mente dell’Esecutivo Raffaello Ceschi «è stato autore di opere essenziali che ripercorrono la Storia del nostro Cantone». Uomo d’altri tempi e dal grande amore per il paese, ha sempre dimostrato «una grande capacità di dialogo», ha sottolineato da parte sua il professor Sandro Bianconi nella laudario.  SIBER

Articolo tratto da CdT.ch

Bellinzona, Maccagno, Alpe di Neggia, Bellinzona

Bellissimo giro di 90 km, con una salita di 21 km con pendenze irregolari e dislivello di 1500 metri.

Partenza da Bellinzona direzione Dirinella, si sconfina e si prosegue verso Maccagno dove all’entrata del paese si svolta subito a sinistra e ci si immette in una lunga valle dove la strada comincia a salire (ca 21 km).
Le pendenze sono molto irregolari e si fanno più impegnative negli ultimi chilometri dell’ascesa.
Giunti all’alpe di Neggia a quota 1371 metri la fatica è oramai alle spalle, da li si scende in picchiata verso Vira Gambarogno in una lunga e bella discesa tecnica.

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/activity_332047049.gpx”]

MTB Cardada

Bella escursione in MTB sulle montagne locarnesi.
La salita si svolge prevalentemente su strade asfaltate mentre l’ultimo tratto su sterrato e sentieri.
Giunti all’alpe Cardada comincia la discesa verso Tenero, essa può essere percorsa interamente in sella.

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/activity_307961643.gpx”]